il MUSEO PALEOCRISTIANO


Il Museo Paleocristiano di Aquileia è attualmente inserito nella Direzione musei del Friuli Venezia Giulia.

Si tratta di un museo molto suggestivo, dalle caratteristiche del tutto peculiari. In esso i concetti di “museo” e di “area archeologica” convivono in perfetta simbiosi: l’edificio attuale, infatti, corrisponde all’ultima di una serie di ristrutturazioni condotte nel corso di 15 secoli sul sito di una delle Basiliche paleocristiane di Aquileia. Il complesso, sorto all’esterno della cinta muraria antica, divenne nel corso dei secoli un monastero dell’ordine benedettino, per poi subire nuove modifiche e cambiare definitivamente destinazione.

L’edificio è sede museale soltanto dal 1961. Oltre  ai resti della Basilica paleocristiana e dei suoi mosaici policromi, emersi nel corso delle indagini archeologiche, al suo interno sono raccolti gli splendidi mosaici provenienti dalla Basilica paleocristiana del Fondo Tullio alla Beligna, alcuni altri mosaici di provenienza aquileiese, nonché l’ingente raccolta epigrafica di iscrizioni cristiane pertinente al sito aquileiese.

MISURE ANTI COVID-19

Per semplificare la gestione dell’emergenza sanitaria in corso e garantire a tutti la possibilità di ritornare ad apprezzare la splendida collezione del Museo Paleocristiano, sono state predisposte alcune semplici misure per la visita al museo. Vi chiediamo di rispettarle per tutelare la salute di tutti.

Il museo è aperto dal giovedì al sabato, dalle 8.30 alle 13.30.

Per visitare il museo:

Indossa la mascherina all’interno del museo.

Rispetta le distanze di sicurezza di almeno 1 metro e mezzo dagli altri visitatori.

Se nella sala ci sono già troppe persone attendi prima di entrare.

La prenotazione in orario di apertura non è obbligatoria, ma se sei un gruppo contattaci per garantire il numero massimo di ingressi previsti nelle sale (max. 30 persone).

info: museoaquileiadidattica@beniculturali.it