I Magazzini e la Via Annia

La visita alle gallerie lapidarie si completa con l'esplorazione dei magazzini museali aperti al pubblico. Tali spazi, che costeggiano a sud il giardino del museo, furono costruiti negli anni Cinquanta del secolo scorso con l'idea di ospitare i numerosi reperti della collezione che non avevano trovato spazio all'interno dell'edificio principale nè lungo i portici esterni. Il proposito di rendere visitabili tali spazi fu chiaro fin dall'inizio, tanto che nel pavimento vennero allettati alcuni prestigiosi pavimenti musivi provenienti da diverse zone di Aquileia. Il più imponente resta sicuramente quello delle Grandi Terme, le cui trame geometriche spiccano nella prima sala incorniciando due eleganti ritratti di atleti. In queste sale, ristrutturate a partire dal 2010, è stata allestita un mostra permanente dedicata alla via Annia, la strada costruita nel 141 a.C. per collegare Aquileia a Roma. Molti e preziosi sono i reperti esposti, tra cui alcuni corredi funerari rinvenuti nella necropoli che si sviluppava ai lati della via Annia, o i reperti connessi al tema dei giochi gladiatori e dello sport, che raccontano la vita nell'anfiteatro e negli altri edifici pubblici posizionati proprio a ridosso dell'entrata in città della via Annia.